Cantina Gajaudo, Isolabona

Cantina Gajaudo

Cantina del Rossese F.lli Gajaudo di Gajaudo Giulio e C. s.n.c.
Giorgia Gajaudo
Viticoltore e cantina
Strada provinciale, 7, 18035 Isolabona (IM)
0184 208095

Gajaudo è una azienda vitivinicola, di dimensioni consistenti, che ha la sua sede oltre Isolabona, lungo la provinciale che sale verso Pigna. Oltre alla cantina e il magazzino vini, l’azienda è dotata di un grande show room, che può ospitare oltre 100 persone, con banco degustazione e alle pareti una vetrina di prodotti del territorio. Siamo in Valle Nervia, a pochi km da Dolceacqua, l’ampiezza e la dolcezza dei versanti lungo il fiume, i numeri molto importanti raggiunti dal flusso turistico, la discreta viabilità, offrono possibilità diverse, rispetto alla alta valle e la val Verbone.

Titolari della cantina Gajaudo sono i fratelli Giulio 1954 e Fulvio 1966, ma in azienda lavora anche Giorgia 1993, figlia di Giulio, ed ha ancora un ruolo di rilievo Alessandro, il padre, dal quale è partito tutto. Rappresentante nel mondo del vino, nel 1986 deduce di mettersi in proprio e costruisce una ‘prima cantina, a Dolceacqua, dove l’impresa prende forma con l’aiuto dei figli. Nel 1999 il trasferimento nella sede attuale, che per le sue dimensioni permetteva nuove opportunità di crescita e lo sviluppo di attività collaterali: pochi anni dopo viene inaugurato lo showroom e le cantine si aprono al turismo organizzato. Oggi il numero dei visitatori è di circa 8.000 9.000 l’anno, la produzione raggiunge nelle annate buone circa 120.000 bottiglie di vino. Nel tempo Gajaudo ha investito molto in terreni e vigneti, arrivando a produrre oltre il 50% dell’uva lavorata complessivamente, soglia cha ha permesso all’azienda di passare da artigiana ad agricola. Le loro campagne sono disposte su diversi comuni: San Biagio, Dolceacqua, Soldano, Santo Stefano e oltre al Rossese producono e Pigato e Vermentino.

Prodotti:

  • Vini Rossi: Rossese di Dolceacqua, Rossese di Dolceacqua Superiore, Rosato di Rossese ed i Crue Arcagna e Luvaira. Bianchi: Pigato, Vermentino ed il Crue Pejuna.

Lascia un commento

Chiudi il menu