Azienda agricola Matteo Maccario, San Biagio della Cima

Le uve di Matteo Maccario

Azienda Agricola Matteo Maccario
Via Torre 13
San Biagio della Cima (IM)

L’Azienda Agricola di Matteo Maccario (1982) si trova a San Biagio della Cima, produce uva, fiori di mimosa, calicantus. Lavora 2,5 ettari di terra, di proprietà, divisa in quattro appezzamenti. La campagna principale si trova a Niberna, in alto sopra il paese, ed è coltivata a vite, con 2000 piante di Rossese, sui tipici terrazzamenti liguri sostenuti con muretti a secco. L’impianto è recente, risale al 2004, e dotato di un sistema di irrigazione a goccia da utilizzare in caso di emergenza, come prescrive il disciplinare. In precedenza le terrazze erano coltivate con una floricola, la ginestra, ma in passato la vigna era già presente. La campagna è dominata da un complesso di strutture che comprende, oltre ad una piccola stalla seminterrata con al piano superiore un locale multiuso, una minuscola chiesa e una cisterna in cemento, utilizzata per raccogliere l’acqua. Più in alto, oltre il crinale, in località Garibaudo, sul lato che guarda verso Dolceacqua, la seconda vigna di Rossese. Con 1.000 piante in 17 fasce per 35 metri di altezza, costituisce un esempio, non così raro nel territorio del Parco Biamonti, di viticoltura estrema. Dal complesso delle due vigne Matteo raccoglie nelle annate buone 35 quintali di uva, che vende alla Cantina Maccario Dringenberg. Mimosa e calicantus vengono coltivate a Cian De Cui, sopra il centro del paese, in direzione della Cima, ed a Nugeirin, in basso, accanto al Verbone. Le campagne sono state ereditate dalla famiglia, che aveva investito soprattutto nella floricoltura come attività e spinto ai margini la vigna e gli olivi, coltivati per autoconsumo, oppure espiantati, abbandonati. In un contesto ancora mutato Matteo è tornato a valorizzare la viticoltura, accanto ai fiori, articolando la produzione ed il reddito su più colture, integrando l’azienda con attività volte all’autoconsumo, con una grandissima attenzione al valore paesaggistico e ambientale del lavoro agricolo.

Lascia un commento

Chiudi il menu